I migliori drama 2017 delle principali emittenti televisive coreane

Quest’anno voglio fare una classifica dedicata anche alle principali emittenti televisive coreane, perché sapete che vi dico?? E’ anche giusto dare un riconoscimento a questi poracci che si sbattono tutto l’anno per intrattenere le “desperate housewife” di Corea, caspiterina!

Quindi, bando alle ciance, ho fatto un resoconto dei “capolavori” prodotti da MBC, TVN, SBS, OCN e KBS e per ognuno di queste emittenti mi sono permessa di eleggerne il migliore dall’alto della mia onniscienza!

Il miglior drama 2017 della MBC

La MBC è un canale nazionale coreano (Munhwa Broadcasting Corporation), quest’anno ha trasmesso due dei più bei drama che ho visto (entrambi infatti rientrano nella mia classifica di migliori drama 2017).

Sono Weightlifting Fairy Kim Bok Joo The King Loves

In realtà, la prima puntata di Weightlifting Fairy Kim Bok Joo è stata trasmessa in Corea a novembre 2016, tuttavia il drama è finito a gennaio 2017, e come chi mi legge sa, nelle classifiche di fine anno considero solo i drama conclusi nell’anno in corso, dato che non posso esprimere un giudizio su un drama non completato.

Detto ciò, credo di poter dire con una certa fermezza che, il miglior drama dell’anno della MBC sia stato The King Loves, che ho preferito per intensità e ambientazione storica.

Miglior Drama MBC 2017 -The King Loves

 

Il miglior drama 2017 della TVN

Passiamo alla tanto amata TVN (Total Variety Network), canale televisivo di intrattenimento generale sudcoreano.

Quest’anno la TVN ci ha regalato diversi drama carucci tra cui: Bride of the Water God e Goblin.

Ora, capirete bene che non c’è storia. Anche se questa emittente televisiva sforna drama a morire e potremmo star qua ad elencarli all’infinito, il miglior drama dell’anno della TVN è e sarà per sempre Goblin, per ovvie ragioni che chiunque di una discreta sanità mentale comprende ampiamente 😀

Miglior drama TVN 2017 – Goblin

 

Il miglior drama 2017 della SBS

La SBS (Seoul Broadcasting System) è uno dei canali radiotelevisivi coreani più famosi, e quest’anno ci ha dato la possibilità di allietare le nostra giornate nientedimeno che con While you were sleeping e Romantic Doctor Kim.

Entrambi i drama mi sono piaciuti molto, tuttavia trovo che i coreani siano un po’ carenti nei medical drama. Dico questo perché li trovo spesso approssimativi e poco attenti ai dettagli, e io che sono fan di Grey’s Anatomy, non posso apprezzare chi riduce un’operazione in una diretta tv in salotto o chi, facendo finta di operare la cistifellea, poco gli importa se si trova nell’addome o nel cervelletto. Pertanto, il miglior drama dell’anno della SBS, a parer mio, è While You Were Sleeping!

Miglior Drama SBS 2017 – While You Were Sleeping

 

Il miglior drama 2017 della OCN

L’OCN (Orion Cinema Network) è un canale sudcoreano che trasmette principalmente film, i più vecchi durante la giornata, i più recenti in prima serata e molte serie televisive d’oltreoceano, in particolare americane.

Questa emittente televisiva quest’anno ci ha proposto due bei drama diversissimi: My Secret Romance e Tunnel.

Il canale in genere si dedica ai drama polizieschi ma quest’anno ha voluto deliziarci anche con il suo primo show romantico che è ovviamente My Secret Romance con quel figo di Sung Hoon che ha la capacità di annullare completamente il cervello umano femminile, cosicché a fine drama, non ti ricordi neanche se la storia si ambientasse in Corea o a Gerusalemme. Tuttavia, mentre la trama di My Secret Romace è leggermente banale e rivista, quella di Tunnel l’ho trovata più ben fatta e avvincente. Per questo, il miglior drama dell’anno della OCN è Tunnel (che non me ne voglia Hoon-ino mio!)

Miglior Drama OCN 2017 – Tunnel

 

Il miglior drama 2017 della KBS

KBS (Korean Broadcasting System) è il servizio di trasmissione internazionale della rete televisiva sudcoreana.

Quest’anno, questo importante canale televisivo, ci ha allietato con: Queen for seven days e Hwarang.

Hwarang mi è piaciuto, e trovo Go Ra sempre molto simpatica, ma la storia a mio avviso, è mancata di pathos, portando ad un risultato un po’ troppo piatto. Per questo e per lo straordinario fascino della Regina Dangyeong, il miglior drama dell’anno della KBS è Queen for seven days!

Miglior Drama KBS 2017 – Queen for seven days

 

Siete d’accordo con me? Ditemi la vostra nei commenti!

While You Were Sleeping: lo Sliding Doors Coreano. Il mio drama consiglio del mese!

Ve la butto così come mi viene: a me While You Were Sleeping ha ricordato un po’ Sliding Doors!

Questo k-drama si incentra su un personaggio bellissimo che è quello di Hong-Joo (Suzy), una ragazza dalla capacità straordinaria di vedere in sogno vicende che puntualmente si verificano nella realtà. Un po’ una Cassandra dei nostri tempi, Hong Joo ha il dono di prevedere gli eventi, ma a cosa serve questo dono se non puoi salvare neanche le persone a te più care?

Un giorno, la sua singolare esistenza, si intreccia con quella di un affascinante nuovo vicino, un procuratore tanto alto quanto bello, Jae-Chan (Lee Jong Suk), che ben presto diventerà protagonista nei sogni di Hong Joo.

Il voto che do a questo drama è 8

While You Were Sleeping

Chi segue Lee Jong Suk lo sa per certo, ogni suo drama è una certezza, e anche questa volta, il nostro spilungone preferito non ci ha deluse.

While you were sleeping è:

A Allucinante!

ebbene sì, la capacità di prevedere il futuro e far di tutto per cambiarlo, nonché vedere il destino cambiare in seguito alle nostre azioni è a dir poco allucinante, quindi preparatevi a tutto!

B beffardo

come il destino e il dono di prevederlo

C combattivo

come Hong Joo che non si lascia piegare e con tutte le sue forze i tutto il suo coraggio, decide di cambiare quella vita che non ce la fa a cambiare lei

D divertente

i drama di Lee Jong Suk hanno sempre una certa vena di comicità che non guasta mai, e anche in questo caso, non saranno pochi i motivi per sorridere

E emozionante

se da un lato si sorride, dall’altro si riflette e ci si emoziona

Dunque, non manca proprio nulla a questo drama che, non rientrerà tra i miei preferiti, ma è stato sicuramente una piacevole visione che mi sento di consigliare.

Quanti di voi lo hanno già visto e cosa ne pensano? Ditemelo nei commenti.

 

Suspicious Partner: 5 aggettivi per descrivere il drama che ha diviso i fans

In queste giornate afose di luglio, piene di lavoro e di stress da ultimi impegni prima delle ferie, mi ha fatto compagnia un drama che ha diviso il pubblico di telespettatori in modo abbastanza netto e deciso: Suspicious Partner.

Prima di iniziare questo kdrama, leggevo, un po’ di qua e un po’ di là, opinioni molto discordanti. Da chi lo ha amato alla follia, a chi lo ha abbandonato per la troppa noia, il passo è stato breve. Come può un drama provocare reazioni così discordanti? La curiosità mi ha preso talmente, che ho voluto testare da che parte mi sarei schierata se lo avessi visto.

Ebbene l’ho concluso e il mio voto è 6.5

Devo ammettere che non mi ha conquistato. Piacevole sì, ma nulla da farmi passare le notti attaccata al pc.

Suspicious Partner

Suspicious Partner

 

Suspicious Partner | La trama

La storia è un giallo a tratti anche abbastanza coinvolgente. Bong Hee (Nam Ji-Hyun) è una praticante avvocato che viene tradita dal suo ragazzo. Per uno strano scherzo del destino, il suo ex verrà trovato senza vita, proprio nel suo appartamento e questo pregiudicherà la sua posizione agli occhi della giustizia e del procuratore in causa, Ji Wook (Ji Chang-Wook). Dopo diversi anni, si troverà da avvocato, a difendere un ragazzo accusato di omicidio e incontrerà sulla sua strada di nuovo lo stesso procuratore. Inaspettatamente la storia si verrà ad intrecciare con lo strano omicidio di anni addietro in un complesso e misterioso insieme di conseguenze di un triste caso di mala giustizia irrisolto.

 

Suspicious Partner in 5 aggettivi

Pensandoci e ripensandoci, non potrei descrivere meglio questo drama se non con questi 5 aggettivi.

Intrigante

Intrigante è il giallo nel giallo in cui Bonh Hee e Ji Wook si troveranno coinvolti. Una storia dagli aspetti psicologici a tratti addirittura commoventi. Il mistero che si cela dietro i diversi omicidi, è tristemente coinvolgente.

Affascinante

Affascinante è l’attore che si troverà al centro di questi oscuri misfatti, essendone l’artefice. E’ di una bravura eccezionale. Il suo modo di recitare mi ha incantato: intenso, inquietante e allo stesso tempo, tenero a modo suo.

Tediosa

Tediosa è la storia d’amore tra Bong Hee e Ji Wook. L’ho trovata davvero poco emozionante, lui molto carino, per carità, ma il suo rapporto con Bong Hee è stato solo un continuo tira e molla pedante e vacuo.

Suspicious Partner

Lercia

Lercia è Bong Hee. Scusate la franchezza, ma la giovane avvocatessa ha l’abitudine di lavarsi poco quando è presa dal troppo lavoro. Forse questa cosa in Corea suscita simpatia, ma a me ha fatto un po’ ribrezzo, incidendo sull’idea che mi sono fatta del suo personaggio che non mi ha conquistato del tutto.

Scialbo

Scialbo è il gusto finale che mi ha lasciato il drama. Devo riconoscere che il mio interesse era solo per la storia che si celava dietro all’assassino.

Questi sono i 5 aggettivi che secondo me descrivono meglio Suspicious Partner, scrivetemi nei commenti con quali aggettivi lo descrivereste voi 😉

City Hunter: potere della giustizia vieni a me!

City Hunter mi mancava, e ora che l’ho finito posso dire che tra i drama di Min Ho, questo è quello in cui mi è piaciuto di più. Non me ne vogliate, ma Min Ho non rientra esattamente tra i miei attori preferiti. Sia fisicamente che professionalmente non mi ha mai conquistato del tutto… fino ad ora.

Non è che sia diventato il mio attore preferito, però lo apprezzo di più e lo trovo anche leggermente più affascinante (scusate ma in Boys over flowers non si può proprio guardare -.-‘ ).

Dunque se amate questo giovanotto coreano, non potete non guardare City Hunter che gli rende piena giustizia.

Il voto che do a questo drama è 7.5

Fonte: viki.com

City Hunter

City Hunter | La trama

La storia è presto detta. Riprende l’omonimo manga di Tsukasa Hōjō ma è completamente reinventata. City Hunter è il classico paladino della giustizia metropolitano che operando nell’ombra e per vie non tanto legali, riesce lì dove la legge ha le mani legate. Il caro Min Ho si troverà a vestire questi panni inizialmente per vendicare la morte del padre, guardia della Casa Blu, e dei suoi uomini, ma ben presto il desiderio di giustizia ed equità prenderà il sopravvento portando City Hunter a diventare la Sailor Moon di noialtri. Nell’intreccio narrativo fa capolino anche il delicato sentimento che timidamente prenderà posto nel cuore del City Hunter per una guardia del corpo del Presidente della Corea del Sud.

Azione, suspance e colpi di scena.

Alla trama do un 7

City Hunter | I personaggi

Lee Yoon-sung (Lee Min Ho), è un ragazzino cresciuto seguendo un addestramento durissimo e spietato al fine di diventare una vera e propria macchina da guerra. Una volta diventato adulto, inizierà a lavorare nel team informatico della Casa Blu per mettere in atto la sua vendetta. Ho apprezzato tantissimo il suo personaggio, un genio dei computer e della lotta, con grande senso di giustizia che lo porterà a non pochi scontri con il padre che lo ha cresciuto addestrandolo severamente. La sua idea di vendetta consiste nel catturare chi ha causato la morte del padre e consegnarlo alla giustizia da vero city hunter. Inoltre, come ho detto prima, questo è il primo personaggio interpretato da Min Ho che apprezzo davvero. Sia in Boys over Flowers che Heirs (dove addirittura tifavo per Kim Woo Bin) e in The Legend of the Blue Sea, non mi ha mai convinto del tutto. Invece il suo personaggio in questo drama è così bello da farmi cogliere finalmente il fascino tanto chiacchierato di questo attore.

Il mio voto è 8

Risultati immagini per city hunter drama gif

Kim Na-na (Park Min-young), è una guardia del corpo della Casa Blu, esperta di judo. La sua vita si intreccerà, o per meglio dire scontrerà inspiegabilmente con quella del City Hunter. Lei a difesa del potere e lui a smascherarne la corruzione. Na Na è una ragazza solare e molto ma molto forte nella lotta. Essendo un personaggio tutt’altro da difendere, mi è piaciuto alquanto. Apprezzo sempre i personaggi femminili forti (non posso non ricordare la splendida Suzy in Gu Family Book) e in più ho amato il modo in cui le sue motivazioni verranno a “confondersi” con quelle di Yoo Sung. Vedere per credere.

Il mio voto è 7.8

Kim Young-joo (Lee Joon-hyuk), è l’affascinante procuratore del distretto di Seul. City Hunter consegnerà a lui le prove e gli uomini che riuscirà a catturare (con mezzi tutt’altro che illegali) diventandone il suo vero antagonista. Young Joo cercherà in tutti i modi di scoprire l’identità del City Hunter per dimostrare che il fine non giustifica i mezzi!

Il mio voto per questo personaggi è 7

Lee Jin-pyo (Kim Sang-joong), è il padre adottivo di Yoon Sung. Il suo è un personaggio inquietante è dir poco. Accecato dalla vendetta per i suoi compagni ingiustamente uccisi 20 anni prima, crescerà Yoon Sung con severità e freddezza. Il suo intento è trasformarlo in una vera e propria  macchina da guerra da scagliare contro i suoi nemici, ma non ha fatto i conti con la morale che in Yoon Sung è ben presente, per fortuna.

Il mio voto è 7

Bae Man-duk/Bae Shik-joong (Kim Sang-Ho), è un giocatore d’azzardo e un ottimo cuoco. Yoon Sung gli salverà la vita in Thailandia e lui ne sarà perciò sempre fedele. Il suo personaggio è simpaticissimo. Passa le sue giornate a fare shopping online per la casa ma non si tira indietro davanti a missioni difficili e rischiose. Il suo rapporto mamma/governante con Yoon Sung è esilarante.

Gli do un bel 7

Risultati immagini per city hunter drama gif

Questo drama è presente su viki quindi non sarà un problema per chiunque voglia iniziarlo!

City Hunter | Consigli per gli acquisti

Se avete già visto il drama e lo avete amato ecco due gadget economici e molto carini:

Doctor Stranger: fuga dal Paese più isolato del Mondo. Drama-Spoiler!

Non amo lasciare le cose inconcluse, quindi la mia soddisfazione nell’aver finito un drama che avevo, ahimè, abbandonato, è stata notevole. Doctor Stranger è stata l’ennesima prova che le cose non vanno mai giudicate troppo velocemente. Se ancora non lo avete visto leggete il mio post Doctor Stranger: l’importanza della libertà perché questo è un drama SPOILER!

Doctor Stranger

Continua a leggere

Doctor Stranger: un Inno alla libertà straordinariamente attuale

La mia storia con Doctor Stranger è stata piena di alti e bassi in un arco temporale di almeno un anno e mezzo. La prima volta decisi di vederlo per Lee Jong Suk, che è un attore di cui apprezzo tantissimo le qualità recitative, l’espressività e la solarità. In più, non nego che il fatto che il drama parlasse della Corea del Nord, ha risvegliato la mia curiosità storica. Eppure quando la prima volta iniziai a vedere Doctor Stranger, mi sono fermata dopo le prime due puntate. Queste sono state così ricche di eventi forti che mi hanno portato all’impossibilità di proseguirne la visione (considerate che io sono anche una tipa che legge mille libri sull’olocausto ma difficilmente vede un film al riguardo!).

Dal momento in cui l’ho abbandonato a quando l’ho ripreso (la settimana scorsa), è passato più di un anno. Per evitare la fastidiosa possibilità di bloccarne di nuovo la visione, ho deciso di ripartire direttamente da dove mi ero fermata, quindi il terzo episodio, fregandomene allegramente di ciò che ricordavo e ciò che non ricordavo più della storia.

Questa volta, come si sarà capito, l’ho finito, trovandolo meno traumatico di quello che le prima puntate mi avevano fatto temere e piacendomi anche in modo discreto.

Il mio voto è 7

Fonte: viki.com

Doctor Stranger

Doctor Stranger | La trama

Doctor Stranger parla di un bambino, Park Hoo, che un giorno di ritorno da scuola, non trova più il padre, medico dalle grandi capacità, con cui viveva da solo. Ad aspettarlo trova, invece, losche figure in giacca e cravatta che lo porteranno via. Il ragazzo li segue con fiducia, credendo che lo porteranno dal padre. In effetti così sarà, ma purtroppo il padre era stato precedentemente portato con la forza in Nord Corea, per una delicata operazione al Leader della suddetta Repubblica Popolare.

La particolare situazione della Corea del Nord è ben nota, e difatti, ad operazione conclusa, Park Hoo e suo padre, Park Chul, non riusciranno più a tornare a casa (nessuno può uscire o entrare in Nord Corea senza apposita autorizzazione).

Così Park Hoon crescerà in un Paese fatto di campi di concentramento e severe restrizioni, dove è vietato ascoltare musica e l’unico canale in tv è di esclusiva propaganda governativa. Qui conoscerà Song Jae Hee e si innamorerà come succede a tutti i suoi coetanei in ogni parte del mondo. Le loro vite saranno segnate da importanti perdite e da svariati tentativi di fuga. Dopo non poche peripezie, Park Hoon riuscirà a scappare e rifugiarsi a Seul, dove inizierà a lavorare come medico al Myungwoo University Hospital e conoscerà la figlia del Presidente dell’ospedale, Oh Soo-Hyun, e il promettente chirurgo Han Jae-Joon. Tuttavia Park Hoon non smetterà mai di cercare Jae Hee per portarla in salvo.

La storia è per alcuni versi struggente, ma non sempre e non in tutte le puntate. La vita di Park Hoon a Seul con i suoi nuovi compagni è molto piacevole e anche divertente. Per questo e tanti altri svariati motivi, questo drama mi è sembrato un vero inno alla libertà. Per noi cresciuti in un Paese libero è quasi una cosa scontata, ma non dovremmo mai dimenticare che non lo è affatto: non lo è per tanti altri Paesi al Mondo e non lo è stato neanche per chi ha vissuto nella nostra Nazione prima di noi. La forza, la speranza e la caparbietà con cui Park Hoon e Jae Hee hanno lottato per la libertà, è stato profondamente toccante.

Alla trama do un 7

Doctor Stranger | I personaggi

Park Hoon (Lee Jong Suk) è il protagonista del drama a tutti gli effetti. Indipendentemente dalla storia narrata, credo che questo sia il personaggio interpretato da Jong Suk che mi sia piaciuto di più. Park Hoo è proprio un doctor stranger: arrogante, ironico e autoironico e molto umano. Nonostante le sue disavventure, è un personaggio che riesce ad affrontare ogni situazione con solarità, le sue capacità da medico sono ineguagliabili e la sua sicurezza affascinerebbe chiunque. Canticchia nei corridoi, si siede a gambe incrociate sulle scrivanie dei suoi superiori, capisce le problematiche dei suoi pazienti solo toccandoli e va girando con jeans stracciati e capelli improbabili.

Il mio voto è 8

Immagine correlata

Song Jae Hee (Jin Se Yun) è il primo amore di Park Hoo, la fidanzata nord coreana che lui cercherà in tutti i modi di salvare. Lo dirò schiettamente: a me il suo personaggio non è piaciuto. Non so, è una questione di sensazioni: non mi ha conquistato. E’ una ragazza vittima del Partito, che come Park Hoo cerca solo di fuggire ed essere felice, però l’ho trovata un po’ arida e soprattutto, fonte di tanti guai!

Il mio voto è 6

Oh Soo-Hyun (Kang So Ra) è la figlia del Presidente del Myungwoo University Hospital. Ho provato simpatia per lei. Un medico ancora un po’ inesperto, ma con tanta voglia di imparare e soprattutto una donna buona, di sani principi e di cuore.

Il mio voto è 7

Han Jae-Joon (Park Hae Jin) è il promettente chirurgo del Myungwoo. Il suo personaggio è diametralmente opposto a quello di Park Hoo. Serio, molto convenzionale e diligente. Le sue capacità da chirurgo lo rendono l’unico capace di competere con Park Hoo. L’attore è lo stesso di Cheese in the trap e ho notato diverse affinità tra i personaggi da lui interpretati in questi due drama. Entrambi misteriosi, un po’ sinistri: è un tipo di ruolo che a Park Hae Jin calza bene.

Il mio voto è 7

Doctor Stranger | Cosa non mi è piaciuto e cosa sì

Di questo drama non ho apprezzato il modo, a mio parere alquanto approssimativo, di gestire le scene delle operazioni chirurgiche. Le ho trovate un po’ arronzate e campate per aria, tuttavia mi ha conquistato la scelta della colonna sonora, una canzone pop di Bobby Kim dal sapore molto retrò, adatta a richiamare il ritardo temporale in cui è purtroppo chiusa la Corea del Nord, Paese in cui ancora circolano le cassette e le gonne sotto il ginocchio.

Doctor Stranger | Consigli per lo shopping

Per approfondire la questione nord coreana consiglio la lettura del libro Dossier Corea. Viaggio nel Paese più isolato del Mondo, scritto da un reporter che è riuscito ad entrare in Corea del Nord come turista (in questo Paese è vietato l’ingresso di giornalisti stranieri).

Voi cosa mi dite? Avete già visto questo drama? Allora leggete il mio drama spoiler Doctor Stranger: fuga del Paese più isolato del Mondo.

 

Iron Man: la frustrazione può essere tagliente. Drama-Spoiler!

Metti un po’ la mia simpatia per i fumetti, metti un po’ il mio feeling con i drama, non potevo, dunque, non dedicare un post anche ad Iron Man con il tenebroso quanto inquietante Cupo Mietitore, Lee Dong Wook.

Chi non ha visto il drama, meglio che si fermi qui perché questo è un drama SPOILER!

Iron Man

Continua a leggere

Romantic Doctor Kim: nessuno si metterà più in viaggio di venerdì. Drama-Spoiler!

Cari appassionati di bisturi, suspance, respirazioni bocca bocca e quanto altro, Romantic Doctor Kim potrebbe essere stata una bella scoperta per voi. Se ancora non lo avete visto leggete il mio post Romantic Doctor Kim: che Shonda Rhimes abbia una cugina coreana? perché questo è un drama SPOILER!

Continua a leggere

Romantic Doctor Kim: che anche Shonda Rhimes abbia una cugina coreana?

Romantic doctor Kim è ovviamente un medical drama, quindi a chi non piacciono ferite, sanguinamenti, organi al vento e intestini ben in vista, non è adatto.

A me queste cose piacciono, infatti sono una grande fan di Descendant’s of the sun e di Grey’s Anatomy, quindi ho gradito anche questo k-drama.

Il mio voto è 7.3

Fonte: viki.com

Romantic Doctor Kim

Romantic Doctor Kim | La trama

Questo drama mi ricorda molto la famosa serie di Shonda Rhimes, Grey’s Anatomy, e pertanto non posso negare che, per chi decide di vederlo, ci saranno molte scene toccanti e casi di forte tensione, ma non proprio del tipo Uncontrollably Fond, tranquilli. A parte le ovvie scene malinconiche (siamo sempre in un ospedale), voglio sottolineare soprattutto quelle estremamente simpatiche, divertenti e anche tanto istruttive!!

La storia parla di Kang Dong Joo, giovane ragazzo che, a causa della perdita precoce del padre decide di diventare un medico. Purtroppo, a causa di ingiusti giochi di potere, Dong Joo verrà allontanato dall’ospedale principale di Seoul, Geodae, e mandato in un desolato ospedale di campagna, il Doldam.

Qui conoscerà un misterioso Maestro Kim e ritroverà la dott.ssa Yoon Seo-jung, suo superiore, scomparsa inspiegabilmente dopo un incidente, cinque anni prima.

Storie avvincenti ed emozionanti si avvicenderanno in questo piccolo ospedale, soprattutto il venerdì quando il pronto soccorso sembra non avere pace!

Alla trama do un 7

The Romantic Doctor Kim | I personaggi

Maestro Kim (Han Suk-Kyu) è di un fascino incredibile! Veloce, abile, dalle qualità mediche eccelse, le sue sono conosciute come le “mani di Dio”. Oltre ad essere un medico eccezionale, è un bellissimo esempio di saggezza, un Maestro nel vero senso della parola. Derek Shepherd è rinato in Corea, signori e signore.

Gli do 8

Kang Dong-Joo (Yoo Yeon-Seok) è un ragazzo che nel corso della storia ha una discreta crescita morale. Inizialmente, scusatemi il termine, ma è un vero idiota! Diverse volte mi ha dato sui nervi. Ecco qui il nostro Alex Karev!

Il mio voto è 7

Yoon Seo-Jung (Seo Hyun-Jin) è la protagonista femminile del drama. E’ un personaggio sicuramente positivo e pieno di forza. Saprà affrontare situazioni importanti ed uscirne più sicura. Non è che ci sia stato però una qualche sua peculiarità che me l’abbia fatta apprezzare particolarmente. Dovrebbe essere lei la Meredith Grey della situazione? Non so, forse più una Izzie Stevens.

Il mio voto è 7

La capo sala Oh Myung-Sim (Jin Kyung) è un personaggio bellissimo! Tralasciando il fatto che adoro l’attrice, il suo personaggio è davvero simpaticissimo e di grande personalità! Il suo “richiamo” mi risuona ancora nelle orecchie! Un modello di donna! La mia Miranda Bailey!

Il mio voto è 8

Do In Bum (Yang Se Jong) è il figlio del cattivo Direttore Do del Geodae. Nei primi episodi mi è piaciuto per freddezza, razionalità e coraggio. Un po’ privo di morale (il padre certo non ha aiutato) ma nella vita si può sempre migliorare. Non so bene a quale personaggio di Shonda paragonarlo ma per il suo spiacevole vizio di mentire, mi ha ricordato un po’ Andrew DeLuca quando arriva al Seattle Grace e in un primo istante si spaccia per uno strutturato.

Il mio voto è 7

 

Del drama, mi è piaciuto in particolar modo la storia d’amore che crescerà in sordina e che è resa con molto pathos. Senza spoilerare nulla, preparatevi ai miglior baci dei drama coreani (anche se pochi!)

Io ne consiglio la visione! Se lo avete già visto leggete il mio Romantic Doctor Kim: nessuno si metterà più in viaggio di venerdì!

The Legend of the blue Sea: i meravigliosi controsensi coreani. Drama-Spoiler!

La sirenetta è stato tra le storie Disney che più ho amato da piccola. E come poteva essere diversamente con una Ariel così bella e con gli occhioni azzurri? Poi alle medie un bel giorno ho scoperto che la vera storia della sirenetta non era mica quella della Disney!

Eh no, la storia vera è quella dello scrittore danese Hans Christian Andersen, che sarà stato tutt’altro che felice nella sua vita per aver anche solo pensato ad una storia così triste (la poveretta si dissolve in spuma di mare). Quindi primo trauma.

Poi qualche mese fa scopro che anche i coreani hanno la loro sirenetta. Ed eccomi qui, subito a controllare le sorti di questa cugina con la pinna e gli occhi a mandorla. Chi non ha visto questo k-drama si fermi qui e vada a leggere il mio post The Legend of the blue sea: la cugina coreana della sirenetta, perché questo è un drama SPOILER!

The Legend of the Blue Sea

 

Continua a leggere