Reply 1988: un tuffo indietro nel tempo. Il drama-consiglio di agosto

Ho appena finito di vedere Reply 1988. Non nascondo che ho deciso di vederlo perché tra i protagonisti c’è Ryu Jun Jeol che ricopre un ottimo posto nella lista dei miei attori coreani preferiti, ma poi questo drama mi ha conquistata anche per tanti altri motivi.

Reply 1988

Reply 1988

Reply 1988 mi ha letteralmente scaldato il cuore. Mi ha fatto ridere, mi ha fatto commuovere, mi ha fatto riflettere. Quando è finito davvero ho pensato di ricominciarlo subito per colmare il vuoto. Ormai ero anch’io una ragazza del liceo che viveva in quella strada e passava le ore a guardare la tv in camera di Taeki. L’ho trovato un drama diverso da tutti gli altri, che entra nelle case e nell’intimità delle persone e le mette a nudo, una sorta di reality, una sorta di grande fratello. Il punto forte di questo drama è la vita, pura e semplice.

Il mio voto è 7.7

Fonte: viki.com

Reply 1988 | La trama

La storia tratta di 4 famiglie che vivono nella stessa strada a Seol, ognuna di queste ha uno o più figli quasi della stessa età, ma il drama si concentra principalmente su 5 di loro che frequentano tutti gli ultimi anni del liceo (o quasi tutti): Deok Sun, Jung Hwan, Sun Woo, Dong Ryong e Taek!

Deok Sun (Hyeri) è una ragazza molto buffa negli atteggiamenti e tanto piena di vita quanto priva di qualsiasi propensione allo studio. E’ la pecora nera della famiglia e anche del gruppo.

Juang Hwan (Ryu Jun Jeol) è il ragazzo che vive al piano superiore, o per meglio dire, è Deok Sun che vive nel suo scantinato. Ricco grazie ad una vincita alla lotteria, la sua è la famiglia che ho preferito per stravaganza e simpatia.

Sun Woo (Go Kyung-pyo) vive solo con la mamma e la sorellina piccola, è un ragazzo diligente e  bravo a scuola, che si fa carico di responsabilità superiori alla sua età.

Se Deok Sun è la pecora nera del gruppo, Dong Ryong (Lee Dong-hwi) è lo sfigato. Sempre solo a causa di genitori troppo presi dal lavoro, è l’emblema dei figli unici di genitori in carriera.

Taek (Park Bo Gum) è il più dolce e innocente della comitiva, genio indiscusso di Go, lascia la scuola per partecipare a diverse competizioni internazionali, che lo portano spesso lontano dal padre e dai suoi amici.

L’ambientazione nel 1988 è davvero una scelta particolare e, per chi ama il “vintage” come me, davvero piacevole. Anno delle olimpiadi di Seol (i fans di Mila e Shiro lo ricorderanno bene), la Corea nell’88 si apriva al mondo e si avviava verso l’emancipazione. Vengono trattati tutti i momenti salienti di quegli anni come le rivolte degli studenti, e ricordati tutti gli show televisivi principali. Con mia grande felicità ho notato che, a differenza di quanto possano pensare le persone piene di pregiudizi nei confronti dell’Oriente, le donne in Corea già negli anni ’80  (ma in verità anche prima come si può vedere in Love Rain) frequentavano l’università, vivevano da sole, guidavano l’auto, e addirittura non avevano il coprifuoco la sera! Cioè ragazzi, tutto nella norma! Non crediamoci unici portatori di civiltà! Anzi considerando che grandi marchi che ci hanno cambiato la vita come la Samsung sono sud coreani, penso che dovremmo riconoscere ad alcuni Stati asiatici anche una certa superiorità economica!

 

Reply 1988 | I miei personaggi preferiti

La mamma di Jung Hwan, Ra Mi Ran (Ra Mi-ran), dura come Hitler e con le capacità mascellari di un cammello! In ogni puntata passa almeno un buon quarto d’ora a masticare di tutto con ampi movimenti e fragorosi rumori. Ho adorato questa donna per questo e tanto altro, un personaggio che il solo ricordo mi fa ridere di gusto!

Il mio voto è 8.5

Reply 1988 Ra Mi Ran

Reply 1988 Ra Mi Ran

La sorella maggiore di Deok Sun, Bo Ra (Ryu Hye-young), un vero Generale Patton coreano. Questa ragazza è davvero il terrore! Acida, sguardo da squilibrata mentale, delicatezza di un’istrice! La scena in cui tutti urlano a ladro e lei esce fuori con fare minaccioso e braccia sui fianchi resterà per me l’emblema del suo personaggio.

Il mio voto è 7

Il padre di Taek, Moo Sung (Choi Moo-sung), impassibile dinanzi ad ogni evento della vita. Ho nutrito per questo personaggio una tenerezza infinita. Quando fa da baby sitter come non amarlo…

Il mio voto è 7.6

Reply 1988 Moo Sung

Reply 1988 Moo Sung

 

Reply 1988 | Cosa mi è piaciuto

Le scene comiche sono tantissime, soprattutto quelle della famiglia di Jung Hwan, ma anche quelle toccanti non sono da meno. Ho apprezzato questo drama perché affronta tutte le tematiche della vita in modo delicato e particolarmente simpatico: il rapporto padre figlia, il distacco dai genitori, il passare dell’età, il vuoto lasciato da genitori assenti e così via.. In più la semplicità della vita di una volta, le piccole cose che rendevano felici i ragazzi, i diversi modi di trascorrere il tempo e divertirsi, rendono Replay 1988 un bellissimo mix di risate e nostalgia.

Reply 1988

Reply 1988

 

Reply 1988 | La colonna sonora

Un piccolo accenno devo fare anche alle OST del drama. Tutte belle, ma in particolare Right here waiting per me ha segnato ogni momento importante, e ancora oggi quando sento questa canzone non posso non pensare a Reply 1988

 

L’intera storia è raccontata da una Deok Sun ormai grande e sposata. Chi sia il marito è il vero intrigo del drama che verrà effettivamente rivelato solo nella penultima puntata ma che già qualche puntata prima sembra diventare chiaro. Tuttavia la vera sfida è indovinare chi sia nei primissimi episodi!

Io, devo ammetterlo, non ho indovinato! Scrivetemi nei commenti chi per voi è il misterioso marito!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*