Cheese in the trap: la rivincita degli anti-eroi. Il mio drama-consiglio di dicembre

Montagne di libri, appunti stropicciati, un po’ di “sana” competizione e leggeri disturbi bipolari: sono gli ingredienti di Cheese in the trap, il mio drama-consiglio di dicembre.

La storia è intrigante tanto quanto basta per conquistare l’attenzione fin dal primo episodio. E le peculiarità del protagonista maschile non sono comuni nei drama, cosa che mi ha piacevolmente colpito.

Il mio voto è 7.5

Fonte: viki.com

Cheese in the trap

Cheese in the trap

La storia si ambienta al college. Le vite dei giovani universitari si intrecciano in un continuo rincorrersi di test, esami e progetti di gruppo. In questo tram tram studentesco si incontrano, anzi si scontrano, l’arrogante Yoo Jung e la diligente Hong Seol.

Cheese in the trap | Trama

Lei torna dopo un anno sabbatico dovuto ad indigenza economica, lui rientra dal servizio militare ed entra nel locale dove si sta tenendo il party di fine semestre.

Tutti gli occhi su di lui.

Saluta, sorride, si siede. Due-tre ragazze subito si avvicinano cercando di attirare la sua attenzione. Lui sbadatamente fa cadere dell’alcol sul vestito di una di loro. Le scuse pronunciate velocemente e lo sguardo dispiaciuto, ma appena lei si allontana, lui sorride. Più che un sorriso è un sogghigno compiaciuto con un pizzico di cattiveria.

Tutti gli occhi su di lui, ma nessuno lo nota.

Nessuno tranne lei.

Seduta poco più in là, è la sola a cogliere quell’attimo in cui la sua “maschera di cera” si sposta leggermente quasi per cadere. E lui lo sa, capisce che è stato beccato, che lei ha visto la sua “maschera”. Così inizia la storia di Yoon Jung e Hong Seol.

Il mio voto è 8

Cheese in the trap | I personaggi

Yoon Jung (Park Hae-jin) è un anti-eroe. In apparenza gentile, altruista, sempre pronto ad aiutare il prossimo, dispensatore di sorrisi di plastica, nella realtà un po’ meschino, vendicativo e arrogante. Anche se molti definiranno il suo personaggi leggermente psicolabile, a me è piaciuto. La psicosi c’è, per carità, non voglio negare…. ma ‘sti pifferi! E’ questo che rende bello e particolare il personaggio. E’ come una cipolla con mille strati da scoprire e nel corso degli episodi a poco a poco li scopriamo tutti. Dietro ogni atteggiamento c’è un motivo e un insegnamento: nella vita bisogna saper andare oltre le apparenze e accettare il fatto che non è tutto rose e fiori. Scegliamo la bontà al buonismo.

Il mio voto è 7.5

Hong Seol (Kim Go-eun) è un personaggio un po’ mite e remissivo che a poco a poco imparerà a tirar fuori il carattere e a farsi rispettare. Il suo personaggio mi è simpatico grazie alla sua umiltà e senso del dovere. Rientra però molto nei canoni dei personaggi classici dei drama. Quindi niente di nuovo.

Il mio voto è 7

Baek In Ho (Seo Kang-joon), è il ragazzo cresciuto nella stessa casa di Yoon Jung. Tra i due non corre buon sangue a causa di un episodio risalente al liceo, ed ogni occasione è buona per attaccar briga. Anche perché è questo quello che In Ho sa far meglio: attaccar briga. Molto impulsivo e ribelle, ma dal cuore tenero e altruista. Il suo personaggio mi è piaciuto molto, e anche l’attore è particolarmente carino. Per il solo fatto che il suo ruolo manca di qualche tocco di originalità, gli do un voto leggermente più basso rispetto a Yoon Jung.

Il mio voto è 7.3

Baek In Ha (Lee Sung-kyung) è la sorella di Baek In Ho. Pazza come un cavallo. Le sue scene sono state le più comiche in assoluto. Il suo urlare in continuazione e le sue movenze caricaturali un po’ scimmiottesche mi hanno fatto davvero ridere in alcune puntate. In altre è stata davvero odiosa. E’ un personaggio un po’ controverso.

Il mio voto è 7

cheese-in-the-trap

Jang Bo Ra (Park Min-ji) ed Eun Taek (Nam Joo-hyuk) sono rispettivamente la migliore amica di Hong Seol e il suo “fattorino”. Ho amato questa coppia. Lei, l’amica aggressiva, lui (nostro amato 13° principe di Moon Lovers) è di una dolcezza infinita riuscendo però sempre a non cadere nel patetico. Burlone, sarcastico e leale, lo avrei sposato senza troppe storie. La coppia insieme è ben assortita e risulta moooolto piacevole. La loro presenza riempiva gli episodi.

Il mio voto è 7.5

Questo mese decido di consigliarvi drama per andare oltre il classico buonismo coreano, anche se a Natale dovremmo essere tutti più buoni :p e se volete, vi segnalo anche il fumetto di Cheese in the trap!

Se lo avete già visto, leggete Cheese in the trap: quello che c’é dietro l’apparenza, altrimenti buona visione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*